+39 0965 25830 info@biocleanservice.it

area d'intervento

hotel

area d'intervento

flotte aziendali

area d'intervento

condomini

area d'intervento

luoghi di lavoro

Offriamo servizi di Sanificazione ambientale su Reggio Calabria e provincia per differenti tipologie di attività, dagli ambienti domestici, al settore aziendale, con servizi volti al miglioramento della qualità ambientale sia per semplici motivi d’igiene che per prevenzione della diffusione del virus Covid-19 (obbligo di legge).

BIOCLEAN

                    

BioClean S.r.l. attenta alle necessità e soprattutto alla salute dei propri clienti si occupa di pulizia, igienizzazione e sanificazione di ogni tipologia di ambiente.

L’azienda, nata a Reggio Calabria, offre i propri servizi con puntualità, precisione e professionalità, per mezzo delle mani esperte di collaboratori altamente qualificati ed utilizzando unicamente attrezzature e prodotti certificati ed autorizzati dal Ministero della Salute.

PRODOTTI

                    

I prodotti utilizzati per le operazioni di pulizia, igienizzazione e sanificazione sono scelti tra i migliori marchi in commercio, il che, oltre a assicurare un’ottima resa nella detersione e nell’inattivazione degli agenti patogeni, garantisce la salute e sicurezza degli operatori e di chi occupa gli ambienti trattati.

Per quanto riguarda le operazioni di sanificazione ambientale, vengono utilizzati unicamente prodotti registrati presso il Ministero della Salute come Presidio Medico Chirurgico e raccomandati dalle circolari ministeriali.

.

SERVIZI

                    

BioClean S.r.l. offre un pacchetto completo di servizi che vanno dalla pulizia ordinaria, ad una più profonda igienizzazione, alla totale sanificazione ambientale, fino alla piccola manutenzione di locali residenziali, commerciali, produttivi, ecc.

La nostra offerta comprende sia la pulizia (ordinaria o straordinaria) che la successiva sanificazione specifica. L’unica cosa che dovrai fare sarà contattarci per richiedere l’intervento.

FAQ Covid-19

Per fare un po’ d’ordine tra le moltissime informazioni che riceviamo ogni giorno sul nuovo Coronavirus e su come difenderci, abbiamo risposto alle domande più frequenti che ci vengono poste.

Cos’è il nuovo Coronavirus?

È un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente mai identificato nell’uomo. In particolare quello denominato SARS-CoV-2, non è mai stato identificato prima di essere segnalato a Wuhan, in Cina, a dicembre 2019.

Nella prima metà del mese di febbraio l’International Committee on Taxonomy of Viruses (ICTV), che si occupa della designazione e della denominazione dei virus, ha assegnato al nuovo coronavirus il nome definitivo: “Sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2” (SARS-CoV-2). A indicare il nome è stato un gruppo di esperti incaricati di studiare il nuovo ceppo di coronavirus. Secondo questo pool di scienziati il nuovo coronavirus è fratello di quello che ha provocato la Sars (SARS-CoVs), da qui il nome scelto di SARS-CoV-2.

Sempre nella prima metà del mese di febbraio (precisamente l’11 febbraio) l’OMS ha annunciato che la malattia respiratoria causata dal nuovo coronavirus è stata chiamata COVID-19. La nuova sigla è la sintesi dei termini CO-rona VI-rus D-isease e dell’anno d’identificazione, 2019.

Quali sono i principali sintomi del Covid-19?

I sintomi più comuni di una persona con COVID-19 sono rappresentati da:

  • febbre
  • stanchezza
  • tosse secca.

Alcuni pazienti possono presentare indolenzimento e dolori muscolari, congestione nasale, naso che cola, mal di gola o diarrea. Questi sintomi sono generalmente lievi e iniziano gradualmente. Recentemente sono state segnalati come sintomi legati all’infezione da Covid-19, l’anosmia/iposmia (perdita /diminuzione dell’olfatto) e, in alcuni casi l’ageusia (perdita del gusto).

Nei casi più gravi, l’infezione può causare:

  • polmonite
  • sindrome respiratoria acuta grave
  • insufficienza renale e persino la morte.

Alcune persone si infettano ma non sviluppano alcun sintomo. Generalmente nei bambini e nei giovani adulti i sintomi sono lievi e a inizio lento. Circa 1 persona su 5 con COVID-19 si ammala gravemente e presenta difficoltà respiratorie, richiedendo il ricovero in ambiente ospedaliero.

Le persone anziane e quelle con malattie pre-esistenti, come ipertensione, malattie cardiache o diabete e i pazienti immunodepressi hanno maggiori probabilità di sviluppare forme gravi di malattia.

Il Coronavirus quanto rimane attivo sulle superfici?

Studi su coronavirus quali il virus della SARS e della MERS, suggeriscono che il tempo di sopravvivenza di questi patogeni sulle superfici, in condizioni sperimentali, oscilla da poche ore fino ad alcuni giorni in dipendenza del materiale interessato, della concentrazione, della temperatura e dell’umidità.

Dati più recenti relativi alla persistenza del virus SARS-CoV-2 ne confermano la capacità di persistenza su plastica e acciaio inossidabile anche fino a 72 ore.

Le superfici sulle quali si ha una minore persistenza sono il rame e il cartone, dove è stato osservato un abbattimento completo dell’infettività dopo 4 ore per il rame e 24 ore per il cartone.  Un recente studio ha valutato la stabilità del virus SARS-CoV-2 a differenti temperature, dimostrando che il virus risulta altamente stabile a 4°C, ma sensibile al calore.

Quali sono le misure più adatte per limitare la diffusione del virus?

Per ridurre il rischio di contagio da Coronavirus sono ritenute particolarmente importanti le misure di cui ormai ovunque si parla: il distanziamento sociale, le pratiche di igiene personale, come il frequente lavaggio delle mani con acqua e sapone oppure con una soluzione disinfettante a base alcolica. Tuttavia, anche l’ambiente circostante è un elemento da considerare.

I luoghi dove passiamo gran parte della giornata o svolgiamo le nostre attività quotidiane sono spesso una straordinaria fonte di contagio.

È necessario, pertanto, valutare attentamente la sanificazione degli ambienti, un processo di accurata disinfezione che punta a eliminare l’eventuale presenza del patogeno sulle superfici, sia all’interno dei locali che all’aperto.

Quali sono gli obblighi in tema di sanificazione ambientale?

Chiunque sia un datore di lavoro, commerciante, amministratore di condominio o, comunque, responsabile di un ambiente aperto al pubblico deve rispettare le seguenti norme riguardanti la pulizia e sanificazione degli ambienti:

  • Negli esercizi commerciali devono essere garantite pulizia e igiene ambientale almeno due volte al giorno in funzione dell’orario di apertura (DPCM 26/04/2020);
  • In tutti i luoghi di lavoro devono essere assicurate la pulizia giornaliera e la sanificazione periodica degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni e di svago (Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro);
  • Nelle aree geografiche a maggiore endemia o nelle aziende in cui si sono registrati casi sospetti di COVID-19, in aggiunta alle normali attività di pulizia, è necessario prevedere, alla riapertura, una sanificazione straordinaria degli ambienti, delle postazioni di lavoro e delle aree comuni (Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro);
  • I luoghi e le aree potenzialmente contaminati da SARS-CoV-2 devono essere sottoposti a completa pulizia con acqua e detergenti comuni prima di essere nuovamente utilizzati. Per la decontaminazione, si raccomanda l’uso di ipoclorito di sodio 0,1% dopo pulizia […] (Circolare del Ministero della Salute del 20/02/2020.

Dove siamo

Viale Genoese Zerbi, 29 – 89124 Reggio Calabria

Telefono

+39 0965 25830

Richiesta informazioni

Trattamento dei dati personali secondo l’informativa resa ai sensi dell’art. 13 Dlgs. 196/2003 e dell’art. 13 del Reg. UE 679/2016.